Sonno Irregolare: ancora tu? non dovevamo non vederci più?

Credo di avere avuto raramente il sonno irregolare come in questi ultimi mesi.

Se faccio la notte tutto a posto. Nel senso che mi alzo dopo pranzo, faccio nel pomeriggio le cose che devo fare – nel pomeriggio – e poi si lavora tutta la notte.
Se faccio pomeriggio arrivo alle 19 che mi si chiudono gli occhi da soli e devo prendermi a ceffoni perché sono a lavoro. Poi stacco, non so come reggo fino all’1:00 e svengo miseramente…
Poi al più tardi alle 6 spalanco gli occhi.

Certo, per il pascolo è una cosa meravigliosa perché l’alba me la godo con tranquillità e nel silenzio … però eccheccacchio! …e pure sigla, già che ci siamo!

 

 

Non è giusto, lo capisci!?
Io ero famoso – ed anche stimato – per le mie tirare da 12 ore. Tirate durante le quali mia madre mi metteva i bicchieri sotto al naso per capire se fossi ancora vivo.

Sarà l’età, sarà il ciclo giorno/notte messo peggio di quello di un tre-enne però davvero inizia ad essere complicato da gestire.

Mi è stato più volte consigliato di ricorrere a “Pisolini” per dare una raddrizzata al mio sonno irregolare.

Ma chi glielo spiega a ‘sti scienziati che con anche solo 15 minuti di sonno pomeridiano poi la notte posso mascherarmi e combattere il crimine, che tanto non dormo? Batman, L’uomo Ragno e Maurizio Seymandi non prenderebbero bene questa nuova concorrenza. Affatto.

Tutti a combattere il crimine, Yeah!

 

Il Pisolino e la sacra arte della Pennichella sono sicuramente utili. Se però, come nel mio caso, ti bastano 20 minuti per far nottata poi risulta difficile ricorrervi.
Il sonno irregolare è una cosa brutta e dovrebbe essere vietata per legge. Quando poi come nel meraviglioso Insomnia di Stephen King il problema non è prendere sonno ma mantenerlo la cosa si complica.

Ah io te lo dico, che sia chiaro e venga messo agli atti:
Se stanotte non si dorme prendo la macchina e torno ad un mio vecchio amore:
Il Giro-in-giro stile Crocodile Dundee per le strade di Roma. Prendere la macchina, andare senza meta verso il centro e guardarsi intorno mentre l’1:00 di notte fuori detta legge. Poi dalle parti di Via della Dataria, Via del Tritone o giù di li parcheggiare e farsi un bel giro a piedi con Roma completamente – o quasi – addormentata a fare da sfondo.

Ora che m’è venuto questo pensiero spero quasi di non dormire!

Views: 13

About the Author:

Mi chiamo Simone. Scrivo male è allo stesso tempo il nome del sito ed una profonda verità. Potrei scrivere meglio? Certamente. Però sono fermamente convinto che – refusi a parte – lo scrivere di getto e senza pensarci troppo aiuti a far arrivare meglio il messaggio. Qualunque cosa questo voglia dire.